ANIMALI FANTASTICI 3 COLIN FARRELL SOSTITUIRÀ JOHNNY DEPP?

Dopo lo scandalo legato al suo turbolento divorzio con Amber Heard e alla decisione di licenziarlo nel terzo capitolo di «Animali Fantastici», pare che Johnny Depp potrebbe cedere il personaggio di Grindelwald a Colin Farrell, che nel primo film della saga aveva prestato il volto a Lord Percival Graves

L’accetta di Hollywood colpisce ancora. Dopo l’epurazione di Kevin Spacey da House of Cards, la cancellazione del remake di Pappa e Ciccia per colpa di un tweet di Roseanne Barr e l’allontanamento di Jeffrey Tambor da Transparent, l’ultima vittima eccellente è niente poco di meno che Johnny Depp, licenziato dal terzo capitolo di Animali Fantastici, saga nella quale vestiva i panni di un personaggio cruciale, quello di Gellert Grindelwald. Nonostante le riprese del film fossero già iniziate, rallentate così come le grandi produzioni a causa del Covid-19, a spingere la Warner Bros. alla scelta è stato l’andazzo del turbolento divorzio dell’attore con Amber Heard, che è bastato per stracciare il contratto al divo per evitare ulteriori polemiche

La reazione della Rete non si è fatta attendere: centinaia di petizioni chiedono che gli Studios ridiano il lavoro a Depp, e centinaia di altre promettono, una volta che il film uscirà nelle sale, di boicottarlo per lanciare un messaggio di disappunto forte nei confronti del provvedimento preso ai danni di Depp. Intanto, c’è chi pensa al futuro e propone soluzioni meno traumatiche per il passaggio il testimone di Grindelwald a un altro attore. Molti fan vorrebbero, infatti, che a prendere il ruolo fosse Colin Farrell, che nel primo film di Animali Fantastici aveva prestato il volto a Lord Percival Graves, l’uomo che poi si era rivelato essere Grindelwald sotto l’effetto della trasfigurazione.

L’idea di un nuovo coinvolgimento di Farrell nel progetto non sarebbe poi così strampalata, e pare che la Warner Bros. stia sul serio valutando questo cambiamento in corsa per cercare di garantire una minima continuità narrativa (e figurativa) con l’opera precedente. Per il momento, però, sembra che sia tutto congelato. Il film, salvo ulteriori imprevisti, dovrebbe vedere la luce non prima del 2022, cercando di tamponare il più possibile non solo il mini-scandalo legato all’allontanamento di Depp, che si è fatto da parte accettando le motivazioni della produzione, ma anche l’insuccesso al botteghino del secondo capitolo, il film con il minor incasso di Wizarding World.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: