ARMI E DROGA IN CASA DEL LADRO CHE RUBAVA FURGONI A MILANO

Un piccolo arsenale, con armi e proiettili, e alcuni grammi di cocaina. È quanto ha trovato la polizia di Stato in casa di un 60enne, specializzato nel furto di veicoli commerciali. Mercoledì 2 marzo, l’uomo, un 60enne con precedenti residente nell’hinterland di Milano, è stato tratto in arresto e portato a San Vittore.

l ritrovamento in casa del reo è avvenuto al termine di un’indagine coordinata dal pubblico ministero Gabriella Tavano della Procura della Repubblica di Bologna e partita lo scorso settembre quando una pattuglia della stradale di Pian del Voglio, nel Bolognese, ha denunciato per ricettazione l’uomo, già noto alle forze dell’ordine perché sorpreso alla guida di una Fiat Ducato rubata il giorno prima, nel Milanese.

Gli investigatori hanno poi accertato come il 60enne fosse specializzato nel rubare i furgoni usati da aziende e imprenditori per lavoro. Dopo il furto li portava nel Sud Italia dove venivano cannibalizzati e smantellati, affinché i componenti potessero essere venduti sul mercato dei ricambi auto.

All’alba di mercoledì l’abitazione dell’uomo è stata perquisita dagli agenti della Polstrada e del commissariato di Lorenteggio, che hanno rinvenuto e sequestrato una pistola a salve con matricola abrasa, modificata per sparare davvero, 236 bossoli e 144 ogive blindate calibro 9 mm e un bilancino di precisione per polvere da sparo, oltre a due caricatori e una fondina da cintura.

Nella casa sono stati trovati anche 5 grammi di cocaina e un secondo bilancino di precisione per stupefacenti. Per il 60enne sono scattate le manette. In corso gli accertamenti per fare luce sul suo eventuale coinvolgimento in episodi analoghi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: