BILL MURRAY SU GHOSTBUSTERS LEGACY: “HA LO SPIRITO DEL PRIMO FILM.

Bill Murray ha adorato il nuovo Ghostbusters 3, che secondo lui ridà linfa vitale alla saga. Ecco il lungo commento dell’attore, che ha accettato di sottoporsi a incredibili fatiche sul set del film di Jason Reitman.

Bill Murray è un genio e, come tutti i geni, talvolta pecca di eccentricità o meglio di scarso entusiasmo nel seguire i ritmi lavorativi che i registi gli impongono, a meno che non si tratti del suo caro Wes Anderson. L’attore si è dovuto tuttavia arrendere di fronte a Jason Reitman, perché il suo Ghostbusters: Legacy era talmente eccezionale da risvegliare il Murray dei vecchi tempi, che ha amato praticamente ogni cosa della lavorazione, tranne i costumi scomodi, e che ha espresso tutta la sua ammirazione nei confronti del nuovo film, in cui riprende il ruolo di Venkman). In un’intervista rilasciata a Collider, Bill ha dichiarato senza esitazione che la nuova avventura di fantasmi e acchiappafantasmi ridà nuova vita alla saga. Ecco le parole dell’attore

Ricordo che Jason Reitman mi ha chiamato e mi ha detto: ho un’idea per un altro Ghostbusters. Sono anni che ho questa idea. Che diavolo potrà mai essere? – ho pensato. Me lo ricordo bambino. Mi ricordo il suo Bar Mitzvah. Pensavo: ma che diavolo? Che ne sa questo ragazzino? E invece aveva avuto un’idea davvero straordinaria, che ha sviluppato con un altro tipo straordinario con cui ho avuto occasione di lavorare, Gil Kenan, che ha fatto City of Ember. Insieme hanno scritto un film di Ghostbusters che riporta davvero in vita la serie. Conserva veramente lo spirito del primo film, più del secondo o di quello delle ragazze. Ha uno spirito molto diverso da due dei quattro film fatti”.

Credo che abbia raggiunto un risultato assai notevole. E’ stata dura, è stata davvero dura, per questo penso che andrà bene. Siamo stati sul set solo per un po’, ma è stato molto faticoso da un punto di vista fisico. Indossare tutto l’equipaggiamento è stato estremamente scomodo. Avevamo addosso batterie con le dimensioni di vere batterie. Adesso esistono batterie piccole come orecchini, ma sono comunque pesanti da portare sempre. Gli effetti speciali di questo film comportano che ti arrivi un sacco di vento e un sacco di sporcizia in faccia, ed era tutto un abbassarsi per poi rialzarsi. Cos’è questo? Cosa sto facendo? Sembra di fare stacchi da terra ungheresi o kettlebell russi, continuo ad andare giù e su con questa roba sulla schiena. Era molto scomodo. Di solito, quando una cosa comporta una notevole dose di infelicità, il risultato è di alta qualità. Se riesci a catturarlo e a proteggerlo, si vede sullo schermo e influenza la tua recitazione. Credo che il film uscirà a un certo punto dell’autunno. Lo hanno rimandato per un anno, un anno e mezzo, ma sono contento che l’abbiano fatto. Vale davvero la pena di vederlo”.

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: