CRISI ALIMENTARE CON TANTO CIBO A DISPOSIZIONE

“Si può avere una crisi alimentare anche con molto cibo a disposizione. Questa è la situazione in cui ci troviamo”. Lo ha detto al Wall Street Journal Abdolreza Abbassian, economista senior presso la Fao. La spiegazione di questa situazione paradossale è che la pandemia ha colpito il mondo in un momento di abbondanti raccolti e di ampie riserve di cibo. Tuttavia, una serie di restrizioni protezionistiche, interruzioni dei trasporti e turbolente variazioni dei prezzi hanno creato fratture nella catena alimentare e nell’offerta globale di cibo, mettendo in pericolo le regioni più vulnerabili del pianeta.

La diffusione del coronavirus ha creato distorsioni sia dal lato della domanda che dell’offerta di cibo. I prezzi di beni di prima necessità come riso e grano sono aumentati in molte città, anche a causa del panico che ha spinto ad una corsa agli acquisti. Inoltre le interruzioni dei commerci e i lockdown stanno rendendo più difficile spostare i prodotti dalle aziende agricole ai mercati, agli impianti di trasformazione e ai porti, per cui spesso il cibo viene lasciato marcire nei campi. Allo stesso tempo, sempre più persone in tutto il mondo sono a corto di soldi a causa della recessione dei licenziamenti e le svalutazioni valutarie nei paesi in via di sviluppo che dipendono dal turismo o dal deprezzamento delle materie prime come il petrolio hanno aggravato questi problemi, rendendo il cibo importato ancora meno accessibile.

In tutto il mondo le interruzioni delle spedizioni hanno reso proibitivo e costoso spostare molti articoli deperibili, in particolare frutta, verdura e pesce, dai produttori ai consumatori. Tra il primo gennaio e il 10 aprile, la capacità delle navi portacontainer di spostare merci è diminuita del 30% a causa di cancellazioni. Quelli che raggiungono i porti devono affrontare nuovi ritardi dovuti a quarantene e arresti delle dogane e di altre strutture in molti luoghi. L’India è il più grande esportatore mondiale di riso, e aiuta a nutrire le nazioni di Africa e Asia.

ùIn questi giorni, Shri Lal Mahal Group, esportatore di riso con sede a Nuova Delhi, spedisce solo dal 15% al 20% del suo volume normale. “C’è molto riso in India”, ha dichiarato il presidente della società Prem Garg. “è solo che non possiamo esportarlo a causa di problemi logistici”. Tra gli ostacoli: mentre una volta era disponibile una nave per i mercati europei ogni due o tre giorni, ora ce n’è solo una ogni due settimane.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: