Daddy Yankee annuncia il ritiro e il suo ultimo album 

“Ora mi godrò ciò che tutti voi mi avete dato”, ha dichiarato il “re del reggaeton”

Attraverso un videomessaggio pubblicato sul proprio canale ufficiale YouTube, Daddy Yankee ha annunciato il proprio ritiro dalle scene e quello che sarà il suo ultimo album. Dopo oltre trent’anni nell’industria musicale, il “re del reggaeton”, che con la sua “Gasolina” all’inizio degli anni Duemila ha portato il genere fuori dai confini di Portorico, ha quindi deciso di mettere la parola “fine” alla sua avventura nella musica. La conclusione del percorso musicale di Ramón Luis Ayala Rodríguez, questo il nome all’anagrafe dall’artista, sarà segnata dall’uscita del nuovo disco “LegenDaddy”, in arrivo il prossimo 24 marzo, a cui farà seguito il “La última vuelta world tour”.

“Questa carriera è stata come una maratona e vede finalmente il traguardo. Ora mi godrò ciò che tutti voi mi avete dato”, ha affermato Daddy Yankee: “La gente dice che ho reso questo genere globale, ma siete voi che mi avete dato le chiavi per aprire le porte e portarlo al successo in tutto il mondo”.

Parlando poi della sua prossima prova sulla lunga distanza, il suo primo disco in dieci anni dopo “Prestige” del 2012, il 45enne cantante ha detto: “Presenterà tutti gli stili e i generi che mi rappresentano in un album. ‘LegenDaddy’ è lotta, è festa, è guerra, è romanticismo”.

Nella sua lunga carriera, con più di 30 milioni di dischi venduti, Daddy Yankee ha raggiunto il successo con il suo terzo album in studio, “Barrio fino” del 2004, e la hit “Gasolina”. Nel corso degli anni ha – tra le altre cose – pubblicato il brano da record con il collega portoricano Luis Fonsi, “Despacito”, in cima alla classifica dei singoli statunitense di Billboard per 16 settimane e accompagnata da un video da oltre 7 miliardi e mezzo di visualizzazioni su YouTube.

La tournée “La última vuelta world tour” prenderà il via il prossimo 10 agosto a Portland, in Oregon, e andrà avanti fino a dicembre, terminando con una data a Città del Messico.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: