DRAGHI NON VUOLE ENTRARE IN POLITICA

“È stata una discussione ricchissima e anche molto condivisa grazie anche alle numerose interazioni con i partiti e il ministro Cartabia e il sottosegretario Garofoli”. Così il premier Mario Draghi commenta in conferenza stampa il via libera del Consiglio dei ministri alla riforma del Csm. “C’e l’impegno ad adoperarsi con i capigruppo per l’approvazione della riforma prima dell’elezione del prossimo Csm e la necessità di un pieno coinvolgimento delle forze politiche insieme al rispetto dei tempi”., sottolinea il premier. “Si darà priorità assoluta in Parlamento” alla riforma, “con la consapevolezza di un pieno coinvolgimento delle forze politiche”.  “Non ci sarà la fiducia e i partiti hanno assicurato l’impegno a sostenere la riforma”, osserva il premier.

Sulla riforma restano “differenze” nella maggioranza, ma c’è anche “l’impegno corale” a superare le divergenze e ad arrivare ad un “testo concordato” prima dell’elezione del prossimo Csm. “Ci sono delle differenze di opinioni che sono rimaste. E’ stato possibile modificare molto marginalmente il testo, ma c’è l’impegno corale a superarle e a raggiungere questo risultato in tempi utili per l’elezione del prossimo consiglio” ha precisato Draghi.

Sulle misure relative al caro bollette spiega: “Le Cifre già stanziate quest’anno sono imponenti: circa nove miliardi e mezzo di euro, evidentemente non è sufficiente, credo di poter dire che sarà l’intervento sarà presentato la prossima settimana. Le linee fondamentali sono: sostegni per contenere le emergenze poi c’è una parte strutturale sull’offerta di energia e potenziamento delle rinnovabili e della produzione di energia e poi c’è una parte di fornitura all’industria con pezzi calmierati e con certezza dell’approvvigiornamento”, ha aggiunto.

E su un eventuale futuro in politica il premier chiarisce: “Lo escludo, chiuso, sono stato chiaro? Ho visto che tanti mi candidano in tanti posti in giro per il mondo. Ringrazio moltissimo tutti ma se per caso decidessi di lavorare dopo questa esperienza, probabilmente un lavoro lo troverei anche da solo…. Così Draghi per la seconda volte esclude un suo futuro politico. Mentre a proposito di un eventuale rimpasto di governo taglia corto: “No, la squadra e’ efficiente e quindi va avanti”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: