Elvis è primo al boxoffice italiano del weekend, lo segue Lightyear 

Il biopic visionario Elvis di Baz Luhrmann è primo al botteghino italiano del weekend, seguito da Lightyear della Pixar e Top Gun: Maverick con Tom Cruise.

Elvis di Baz Luhrmann è appena uscito nelle nostre sale e si è piazzato al primo posto del boxoffice italiano del weekend, con 880.000 euro raccolti in cinque giorni: il biopic visionario sul “King” per eccellenza, l’Elvis Presley portato sullo schermo da Austin Butler, con Tom Hanks a interpretare il suo manager storico Tom Parker, ha registrato finora nel mondo 50.500.000 dollari, ma è stato distribuito per ora soltanto in pochi mercati.
Elvis ha spinto in basso la classifica della settimana precedente, quindi troviamo al secondo posto Lightyear – La vera storia di Buzz, ultima fatica Pixar, la prima di nuovo al cinema dopo la pandemia: a questo giro ha portato a casa altri 427.000 euro, per un totale italiano di 1.667.000. Con 152.370.000 di dollari nel mondo fino a questo momento, il lungometraggio animato fatica parecchio, e il costo di 200 potrebbe non essere mai recuperato.

Per un soffio in terza posizione Top Gun Maverick con Tom Cruise non è riuscito a scalzare The Batman dalla medaglia di bronzo dei migliori incassi della stagione italiana, ma manca davvero pochissimo: con l’incasso nel weekend di 384.500 euro, le nuove avventure di Pete hanno raggiunto i 10.152.000 italiani, contro i 10.202.000 dell’Uomo Pipistrello. Nel mondo Top Gun Maverick ha sfondato il miliardo di dollari d’introiti, un record per Cruise.
Scivola dal secondo al quarto posto il kolossal Jurassic World – Il dominio, capitolo finale della nuova trilogia di Jurassic Park, rimpatriata dei vecchi protagonisti (Laura Dern, Sam Neill, Jeff Goldblum), al fianco della nuova squadra (Chris Pratt, Bryce Dallas Howard). Dopo altri 362.800 euro tocca qui in Italia i 6.884.000. Il responso del botteghino mondiale per il film di Colin Trevorrow si attesta sui 746.664.000 dollari, il più basso tra i risultati della trilogia (ma ciò non lo rende di certo un flop).
Fanalino di coda della top five nostrana è Black Phone di Scott Derrickson, dove un ragazzino viene rapito da un maniaco assassino (Ethan Hawke): per scappare avrà un aiuto ultraterreno davvero inaspettato. La partenza del film registra 278.800 euro. Nel mondo viaggia sui 35.844.000 dollari, ma è un film prodotto da Jason Blum, perciò il suo budget accorto inferiore ai 18 sta per essere già recuperato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: