GIORNATA VITTIME COVID MATTARELLA CI INCHINIAMO ALLA MEMORIA

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con la presidente della Repubblica di Estonia, Kersti Kaljulaid (non in foto), durante le dichiarazioni alla stampa, Tallinn, 4 luglio 2018. ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da Coronavirus, “alla memoria ci inchiniamo”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “La data del 18 marzo 2020 rimane incisa nella memoria degli italiani. Una immagine, quella dei mezzi militari che a Bergamo trasportavano le vittime falcidiate da un virus allora ancora sconosciuto, che racchiudeva il dramma dell’intera pandemia. Alla memoria delle vittime ci inchiniamo. Nel dolore dei loro familiari si riconosce l’intera comunità nazionale”, afferma. Per Mattarella “lo smarrimento dinanzi a una minaccia così insidiosa ha lasciato in breve tempo spazio a una reazione tenace, fatta di coraggiose scelte collettive e di avveduti comportamenti individuali, che ci ha consentito di affrontare una sfida senza precedenti nella storia recente dell’umanità”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: