ISTAT: INFLAZIONE SALE

“L’inflazione accelera per il terzo mese consecutivo e, pur rimanendo al di sotto di un punto percentuale, torna ai livelli di maggio 2019”. Lo comunica l’Istat che registra, a marzo, una crescita dell’indice nazionale dei prezzi al consumo Nic, al lordo dei tabacchi, dello 0,8% su base annua (da +0,6% di febbraio) e dello 0,3% su base mensile, nei dati provvisori. La “lieve accelerazione dell’inflazione” si deve prevalentemente ai Beni energetici non regolamentati come i carburanti che, “prima volta da febbraio 2020”, tornano a crescere su base annua (passano da -3,6% a +1,7%) e ai servizi relativi ai trasporti (da +1% a +2,2%). 
    Al contrario, i prezzi del cosiddetto carrello della spesa “vedono azzerata la loro crescita” come non accadeva da febbraio 2018, quando registrarono un calo dello 0,6%. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano, infatti, una variazione tendenziale nulla (dal +0,2% di febbraio). 
    L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca), che viene utilizzato a livello europeo, registra invece un aumento su base mensile dell’1,8%, “prevalentemente per effetto della fine dei saldi invernali dell’abbigliamento e calzature, di cui il Nic non tiene conto”, si legge nelle statistiche flash, e dello 0,6% su base annua (da +1% nel mese precedente).

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: