NELLE PROSSIME ORE GELO E FREDDO SULL’ITALIA

Nelle prossime ore un nucleo gelido proveniente dalla Russia farà irruzione sull’Italia sotto forma di burrasche di vento e precipitazioni che risulteranno nevose a quote via via più basse soprattutto al Sud. I meteorologi avvertono che entro sera impetuose correnti fredde raggiungeranno l’Italia. La Bora soffierà moderata al Nordest e sul medio Adriatico, il Grecale sferzerà l’Adriatico meridionale, il Mare Ionio e poi il Tirreno.

Soffierà forte ancora il Maestrale in Sardegna e sulla Sicilia mentre sulle Alpi valdostane e lombarde avremo un forte Fohen. Tempo che peggiora al Nord con molte nubi, qualche nevicata sulle Alpi e piogge in Liguria. L’ingresso dei venti orientali causerà un rapido peggioramento del tempo su Abruzzo, Molise e Puglia con veloci temporali e nevicate a 800/1000 metri, il Maestrale manterrà ancora tempo instabile sulle coste tirreniche meridionali e sulla Sardegna.

L’irruzione gelida nella giornata di domani, venerdì 15, darà vita a un vortice ciclonico sul basso Tirreno che renderà molto instabile l’atmosfera su Campania meridionale, Basilicata e Calabria con precipitazioni intense e nevose a quote via via più basse e fin sopra i 2-400 metri in serata.Clima freddo su tutto il Paese, accentuato anche dal vento che farà percepire temperature più basse di circa 4-6 C rispetto a quelle reali.Il weekend sara’ gelido con valori massimi di poco sopra lo zero al Nord e sotto i 7 gradi al Centro- Sud, ma con precipitazioni scarse.

Il Brennero risulta attualmente bloccato a causa di forti nevicate sul versante austriaco del valico. Le autorità austriache – apprende l’Ansa- hanno temporaneamente chiuso il confine in ingresso per poter liberare l’autostrada dalla neve accumulata. Sul versante italiano il traffico pesante viene fermato a Vipiteno alla Sadobre, ma ci sono già alcuni chilometri di tir in coda verso il confine che in alcuni casi hanno anche invaso la seconda corsia, mandando così in tilt anche il traffico leggero

Ancora disagi nei collegamenti marittimi da e per la Sardegna a causa del forte vento di maestrale che sta soffiando da ieri con punte di 85 chilometri orari, 40 nodi. Le folate di  burrasca stanno facendo sentire i propri effetti soprattutto sulle Bocche di Bonifacio dove il mare si presenta molto mosso. Per la giornata di oggi Moby ha sospeso la tratta con la Corsica, Bonifacio-Santa Teresa Gallura, con la conseguenza che sono saltate tutte e quattro le corse previste in entrambe le direzioni. Oggi la nave Janas della Tirrenia sulla tratta Genova-Porto Torres è attraccata a Olbia e anche stasera il colelgamento previsto sarà effettuato dal porto dell’Isola Bianca con il traghetto Moby Tommy che viaggerà costeggiando la parte orientale della Corsica. Permane, poi, anche per oggi lo stop del collegamento Portovesme-Carloforte della Delcomar, mentre resta in piedi la corsa Calasetta-Carloforte. 

Protezione civile emette nuovo avviso di condizioni meteorologiche

Continua l’intenso flusso freddo proveniente dal nord-atlantico, causa del marcato rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali sui settori alpini e di maestrale sulle isole  maggiori, che si estenderà nella giornata di oggi anche a parte del meridione. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni  coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse.  

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale,  nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (http://www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalle prime ore di oggi, giovedì 14 gennaio, venti settentrionali da forti a burrasca sul Veneto, in estensione a Puglia e Calabria, specie sui versanti ionici. L’avviso prevede, inoltre, il persistere di venti da forti a burrasca di foehn su Valle d’Aosta e Lombardia, con particolare riguardo alle zone alpine, e venti nord-occidentali sulla Sicilia, in particolare sui settori occidentali e costieri. Possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni meteo in atto e previsti è stata valutata per la giornata di oggi, allerta gialla per rischio idrogeologico su parte dell’Emilia-Romagna.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: