SPESE MILITARI CAOS MAGGIORANZA

Dichiarazioni di voto sul decreto ëíriapertureíí sul quale il governo ha posto la questione di fiducia, camera dei deputati, Roma 8 giugno 2021. ANSA/FABIO FRUSTACI

“Il paradosso è che non abbiamo messo noi in difficoltà la maggioranza, è la maggioranza, con i 5 Stelle e Leu, che si è messa in difficoltà da sola”. Il capogruppo di Fdi al Senato, Luca Ciriani, sintetizza così quanto accaduto nella congiunta di Esteri e Difesa a Palazzo Madama sul dl Ucraina. Nella riunione il governo ha accolto senza riformulazione l’odg presentato dal partito di Giorgia Meloni sulle spese militari. E Fdi non ha chiesto di metterlo in votazione. “Non lo abbiamo fatto perché per noi l’obiettivo è stato raggiunto, non c’è mai stato l’intento di fare un dispettuccio alla maggioranza”, spiega Isabella Rauti.

Ma il ‘dispettuccio’ si è manifestato comunque quando a chiedere il voto sull’odg sulle spese militari sono stati M5S e Leu. Richiesta respinta visto che non sono stati i proponenti, ovvero Fdi, a richiederlo. “Con il nostro presidente le cose sarebbero andate diversamente”, avrebbe sibilato il pentastellato Vito Crimi riferendosi a Vito Petrocelli, a capo della Esteri e oggi assente. Un cortocircuito interno alla maggioranza e il Pd ‘avverte’ i 5 Stelle: “Comprendiamo l’esigenza di marcare punti politici ma questo non può essere fatto mettendo in difficoltà il governo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: