STOP AL MANTENIMENTO SE LA MOGLIE DORME CON UN ALTRO

ASSEGNO ASSEGNI BLOCCHETTO BLOCCHETTI

L’hanno già chiamata la legge “salvamariti” quella che recita lo stop al mantenimento se la donna ha un altro partner. Infatti, stando alla Cassazione, l’assegno di mantenimento all’ex coniuge viene meno nel momento in cui lei inizia una nuova relazione basata sui presupposti della «stabilità» e «continuità». Tutto è nato da un’ordinanza con la quale la Suprema Corte ha annullato la condanna, inflitta dalla corte di appello di Reggio Calabria nei confronti di un ex marito, a versare gli alimenti alla precedente moglie che da tempo aveva una relazione con un altro uomo.

Sulla cessazione del pagamento mensile all’ex coniuge che ha messo su un rapporto consolidato tanto da determinare un vero e proprio nucleo familiare, ora si comincia a vedere chiaro: per il coniuge divorziato viene definitivamente meno ogni presupposto in base al quale è tenuto a versare l’assegno di divorzio stabilito dal giudice. Quindi non viene semplicemente sospeso, ma cessa per sempre.

Con questa sentenza i giudici della Corte Suprema hanno inquadrato un problema che ha afflitto milioni di partner separati: volendo disfarsi di una relazione c’è biosgno dell’autodeterminazione cioè della capacità di non godere più dei benefici finanziari legati al vecchio rapporto. Con le dovute eccezioni. E’ fatto salvo, ovviamente, il principio che l’assegno va assicurato quando davvero uno dei partner è impossibilitato a lavorare. E ora la discussione è aperta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: