TADDEO L’ESPLORATORE E LA TAVOLA DI SMERALDO, UN BEL BALZO IN AVANTI NELLA GESTIONE DI AZIONE E UMORISMO

Il terzo film dedicato al personaggio del goffo e geniale tombarolo inventato da Enrique Gato. Da giovedì 22 settembre al cinema

Gli anni passano, per Taddeo Jones, eppure il suo talento di archeologo non è ancora venuto alla luce, perennemente offuscato dallo sgambetto di colleghi più rampanti e dal destino sfortunato. Solo Sara, la sua fidanzata, crede ancora in lui, e lo stesso vale per Mummia, il guardiano di Paititi, trasformatosi in un coinquilino affezionato ma anche annoiato e molesto. Le cose cambiano quando un enorme antico sarcofago egiziano viene trasportato nella sala principale del museo di Chicago e Taddeo si ritrova ad essere l’unico in possesso della chiave per aprirlo (ingoiata e risputata dal fido Jeff). In un batter d’occhio il cane, il pappagallo muto e la mummia esiliata si ritrovano vittime di una crudele maledizione, e a Taddeo non resta che mettersi in viaggio, tra il Louvre e il Cairo, per cercare la tavola di smeraldo che può salvare i suoi amici e offrirgli – perché no?- il riconoscimento che si merita.

Terzo film dedicato al personaggio del goffo e geniale tombarolo, Taddeo l’esploratore e la tavola di smeraldo è più di un passo avanti: un balzo vero e proprio.

L’ultima fatica di Enrique Gato, infatti, sana le precedenti lacune di scrittura con un copione che mescola nelle giuste proporzioni avventura e comicità (basterebbe la gag del Tour de France e la sua reprise finale, così classica eppure così efficace), in cui nessun elemento è lasciato inesplorato e nessun personaggio sottoutilizzato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: