BORSA: MILANO IN ROSSO

Prosegue negativa la seduta della Borsa di Milano (-0,5%), in linea con le altre principali Piazze europee, con eccezione solo Madrid, che è piatta (+0,02%), e i future Usa in rosso. Mentre l’Italia attende l’esito delle tensioni nel Governo, sul fronte Covid 19 sono in vista le nuove misure di contenimento. Pesanti i petroliferi, da Saipem (-1,8%), a Tenaris (-1,4%) e Eni (-1,2%), col greggio in calo (wti -0,5%) a 51,9 dollari al barile. Male l’industria, con Buzzi (-1,8%) e Leonardo (-1,2%), annunciato un nuovo contratto in Messico. Giù le auto, con Fca (-2%) e Ferrari (-1,5%) come l’intero comparto nel Vecchio continente.
    Fra le banche rimbalza in negativo Unicredit (-1,9%), che mercoledì vede il Cda incontrarsi per restringere il cerchio sui nomi per il nuovo ceo, mentre Mps (-2,5%) cede nel giorno stesso del Cda. Non molto meglio le altre banche, da Intesa (-‘,9%) a Banco Bpm (-1%), con eccezione Bper (+2%) e Fineco (+1,1%) con una raccolta record a dicembre.
    Tra le assicurazioni, male Cattolica (-2,5%) dopo la richiesta di Ivass di rafforzamento della governance in vista della trasformazione in spa, bene invece Unipol (+1,3%). Nel lusso guadagna Cucinelli (+3,1%), nel giorno in cui sono attesi i risultati del quarto trimestre, debole Moncler (-0,3%).
    In cima al listino principale Stm (+1,9%) e Inwit (-1,7%).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: