CALCIO: LA SERIE A CHIEDE SOLDI

“Auspico il tuo autorevole intervento per sensibilizzare il premier e il Consiglio dei ministri” a intervenire con “misure di effettivo e concreto sostegno delle nostre società che sono al lumicino della resistenza gestionale e che rischiano di gettare la spugna”. Dalla Lega di serie A parte un nuovo allarme al governo: il presidente Paolo Dal Pino ha scritto una lettera alla sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali e per conoscenza al presidente della Figc, Gabriele Gravina, e a tutti i venti club di serie A (che oggi pomeriggio faranno un’altra assemblea).

Nella lettera si fa riferimento innanzitutto alle decisioni assunte dall’assemblea dei presidenti della Lega di serie A l’8 gennaio di limitare le presenze negli stadi al massimo a 5.000 spettatori per le prossime due giornate. “La decisione non è stata facile considerate le gravi perdite che essa determinerà in termini di incassi – si fa notare – Perdite che si aggiungeranno a quelle, gravissime, già patite nell’intero corso di questa pandemia dai nostri club con riferimento sia alla contrazione dei ricavi sia alle onerose spese sostenute per porre in essere tutte le vigenti procedure di sicurezza di accesso allo stadio. Perdite che, contrariamente ad altri settori d’impresa, hanno ricevuto ristori assolutamente minimali, inadeguati, e comunque in palese disparità di trattamento con riferimento, ad esempio, al settore cultura e spettacolo al quale apparteniamo”, si sottolinea con una vena polemica (anche questa non nuova).

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: