CALCIO: STOP A CAVANI PER FRASE RAZZISTA

“Accetto la sanzione disciplinare sapendo che sono estraneo alle usanze inglesi, ma non condivido il punto di vista”: Edinson Cavani ha annunciato di accettare la sospensione di tre partite comminatagli ieri dalla Federazione inglese per un post ritenuto razzista pubblicato su Instagram a fine novembre, ma l’attaccante del Manchester United ha negato di aver avuto intenzioni razziste. “Mi scuso se ho offeso qualcuno con la mia espressione affettiva nei confronti di un amico, ma non c’era altro nelle mie intenzioni – ha scritto sul suo profilo twitter – Le persone che mi conoscono sanno la mia costante ricerca della più semplice delle gioie ed amicizie! Apprezzo moltissimo le innumerevoli espressioni di sostegno e affetto. Sono in pace con me stesso, perché so di aver sempre espresso il mio affetto secondo la mia cultura e il mio modo di vivere”, ha concluso.
    Cavani, in risposta a un messaggio di congratulazioni inviatogli da un amico dopo la sua doppietta nella vittoria del Manchester United a Southampton (3-2) il 29 novembre, aveva scritto “Gracias negrito”. Dopo aver cancellato il post, Cavani si è scusato ei Red Devils lo hanno difeso spiegando che la parola era usata con intenti amichevoli, e che aveva una connotazione diversa in Sud America. Queste spiegazioni non sono state sufficienti per evitare la squalifica per tre giornate, una multa di 100.000 sterline (111.000 euro) e l’obbligo di seguire un percorso di sensibilizzazione.

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: