DDL ZAN, LA DESTRA SI RIANIMA

Il giorno dopo l’affossamento del ddl Zan al Senato è quello del pranzo-vertice tra Forza Italia e Lega, iniziato alle 13 a Villa Grande. Nella residenza romana di Silvio Berlusconi, sono arrivati prima i ministri e i capigruppo di Forza Italia e il fedelissimo Gianni Letta, poi i colleghi leghisti con Matteo Salvini. Tutti ospiti del Cavaliere, da ieri a Roma, al pranzo di lavoro finalizzato, stando a quanto spiegato sia da Salvini che da Berlusconi, ad avviare una forma di “coordinamento” costante tra i due partiti di centrodestra al governo. Un incontro durato più di un’ora e terminato dopo le 14.30. Il pranzo, a base di cacio e pepe, carpaccio di carne e verdure, è servito a stemperare le tensioni, dopo la rumorosa presa di posizione dei ministri azzurri (Mariastella Gelmini, Mara Carfagna e Renato Brunetta) a favore di una linea moderata e segnatamente anti-sovranista. Sul tavolo prove di coordinamento a destra, la manovra e la partita del Quirinale. Soprattutto dopo la bocciatura del ddl Zan ieri in Senato che ha rianimato ancora di più il sogno di Berlusconi di salire al Colle. 

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: