Dune al debutto cinematografico: l’importanza dei suoi incassi 

Dal 16 settembre Dune di Denis Villeneuve sarà nelle sale italiane e in quelle di diversi paesi europei, in attesa dell’uscita negli States a ottobre. Sul suo successo si gioca il proseguimento della storia. Come sarà accolto?

Dune di Denis Villeneuve arriva il 16 settembre 2021 nei cinema italiani: perché dovreste vederlo al cinema e non posticipare l’esperienza allo streaming e al digitale? Come lo stesso regista ha spiegato, il destino del sequel di Dune, quasi indispensabile considerando che il film copre solo la prima metà dello storico romanzo di fantascienza di Frank Herbert, dipende strettamente dall’esito di questo primo atto.
Un esito che sarà piuttosto complesso e lungo da valutare, perché la Warner Bros. sta adottando una strategia non lineare per lanciare il kolossal, costato 165 milioni di dollari e già rimandato più volte per colpa della pandemia: questa settimana infatti il film esce in Francia, Germania, Russia, Italia e Spagna, sulla scia della presentazione fuori concorso al Festival di Venezia. Gli analisti si aspettano una partenza cumulativa sui 20 milioni di dollari d’incasso per questi paesi.

Dune, quando uscirà nel resto del mondo e perché andrebbe visto al cinema

Il secondo turno di uscite sarà a ottobre, quando Dune sbarcherà in Sud Corea, Inghilterra, Brasile, Messico e soprattutto USA, dove – non senza polemiche – sarà disponibile al Day 1 in contemporanea streaming su HBO Max. Ultimamente in molti stanno criticando questa soluzione, che mette troppo presto a disposizione della pirateria copie digitali perfette, ma quel mese di scarto tra alcuni mercati europei e gli Stati Uniti dovrebbe addolcire il colpo. Si spera ovviamente come sempre molto nella Cina, che a sorpresa può ribaltare i verdetti sospesi, con imprevisti grandi incassi: nonostante però l’opera abbia ricevuto il placet delle autorità cinesi, una data d’uscita non è stata ancora decisa. La Cina purtroppo non portò fortuna a Villeneuve quando fu il caso di Blade Runner 2049.
Al di là di tutto questo e delle speranze di un incasso mondiale che riesca a raggiungere i 350-400 milioni di dollari per compensare i costi e avviare il praticamente necessario seguito, Denis Villeneuve si appella a chi voglia abbracciare del tutto la sua visione. Il film va visto al cinema, magari anche su uno schermo molto grande… A Venezia aveva detto:

È stato sognato, progettato e girato pensando all’IMAX. Quando guardate questo film sul grande schermo, diventa quasi un’esperienza fisica. Abbiamo progettato il film affinché garantisse la massima immersione, e per me il grande schermo fa parte del suo linguaggio.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: