ECONOMIA: BCE

FRANCOFORTE (GERMANIA) (ITALPRESS) – L’economia dell’area dell’euro “ha ristagnato nel quarto trimestre del 2022, è stata pertanto evitata la contrazione attesa in precedenza”. Lo evidenzia la Banca Centrale Europea nel Bollettino Economico.
“Tuttavia, la domanda interna del settore privato ha registrato un brusco calo – sottolinea la Bce -. L’elevata inflazione, le attuali incertezze e le condizioni di finanziamento più stringenti hanno compresso i consumi e gli investimenti privati, che sono diminuiti rispettivamente dello 0,9 e del 3,6 per cento”. Secondo lo scenario di base, “l’economia dovrebbe segnare una ripresa nei prossimi trimestri – prosegue il Bollettino -. La produzione industriale dovrebbe aumentare con l’ulteriore miglioramento delle condizioni dell’offerta, la continua distensione del clima di fiducia e lo smaltimento dei numerosi ordini inevasi da parte delle imprese. L’incremento delle retribuzioni e il calo delle quotazioni energetiche compenseranno in parte la perdita di potere di acquisto che molte famiglie avvertono per effetto dell’inflazione elevata. Ciò, a sua volta, sosterrà la spesa per consumi. Inoltre, il mercato del lavoro continua a mostrare vigore, malgrado l’indebolimento dell’attività economica”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: