ECONOMIA: BORSA MILANO

Ha chiuso in calo Piazza Affari (Ftse Mib -1,81% a 23.977 punti) tra scambi brillanti per 2,8 miliardi di euro di controvalore, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi poco sotto quota 110 punti (109,9 per l’esattezza). Nel pieno della stagione delle trimestrali ha pesato oggi Ferrari (-8,02%) dopo conti in crescita ma il rinvio di un anno degli obiettivi per il 2022 a causa del Covid. Hanno pesato anche Nexi (-4,16%), Cnh (-3,01%), alla vigilia della trimestrale, che si prepara a diffondere anche Stellantis (-0,96%), Enel (-1,8%) e Italgas (-0,95%), mentre Campari (+2,7%) l’ha presentata oggi. 
    Segno meno per Pirelli (-2,7%), Exor (-2,81%), ,Diasorin (-2,24%), Poste (-2,53%) ed Stm (-2,12%). Positive con il rialzo del greggio in vista delle scorte Usa diffuse a mercati chiusi Saipem (+1,66%) e Tenaris (+0,82%), mentre Eni è rimasta invariata. Le attese sul decreto Sostegni Bis, con l’estensione dell’incentivo fiscale per le fusioni bancarie ha sostenuto Mps (+2,59%), salita quasi fino al 6% in giornata (+5,93% il massimo). Si sono mosse in controtendenza invece Bper (-1,7%), Banco Bpm (-1,33%), Unicredit (-1,09%), a due giorni dalla trimestrale, che Intesa (-1,35%) diffonde domani. Sprint di As Roma (+21,02% a 0,31 euro), dopo l’arrivo dell’allenatore Josè Mourinho, mentre ha chiuso sotto ai massimi Mediaset (+1,27%) all’indomani dell’accordo tra Fininvest e Vivendi, che si è impegnata a mollare la presa nei prossimi 5 anni. 

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: