ECONOMIA: DEF, FRANCO

Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse 06 aprile 2022 Roma, Italia Politica Mario Draghi e Daniele Franco alla Conferenza stampa al termine della riunione del Consiglio dei Ministri Nella Foto Mario Draghi e Daniele Franco DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Franco si è soffermato sui due scenari di rischio previsti dal Def, il primo che prevede un raddoppio dei prezzi del gas con crescita che si fermerebbe al 2,1% incorporando di fatto una crescita negativa (dato che la crescita acquisita sul 2021 è del 2,3%), il secondo che ipotizza un razionamento del gas con crescita dello 0,6%. “Sono scenari esemplificativi – ha detto Franco – che però ci dicono che dobbiamo operare il più rapidamente possibile per trovare fonti alternative e accelerare sulle rinnovabili”. 

‘Lavoriamo a tetto prezzo gas, ideale farlo con Ue’– Un’ipotesi per affrontare l’inflazione “molto preoccupante” è “fissare un tetto, o prezzo definito, al gas in particolare. È una delle riflessioni in corso, il ministro Cingolani ci sta lavorando e l’Italia si sta impegnando a livello Ue” perché “l’ideale è una soluzione europea”:  ha spiegato Franco in audizione. Il ministro ha spiegato che un intervento in tal senso si sta già facendo in Italia sull’estrazione di gas nazionale: “Si è definito che il nuovo gas estratto sia venduto a un prezzo che tenga conto dei costi di produzione. Questo è un passo ma bisogna proseguire su questa strada”.

‘Anche con Pil piatto crescita sarebbe 2,3%’ – “Se per ipotesi la nostra economia restasse piatta, cresceremmo del 2,3%”. Franco ha anche spiegato che la previsione di crescita del Def – 2,9% – tiene conto di una “flessione del Pil nel primo trimestre dovuta soprattutto alla produzione industriale, e di una “graduale ripresa nei prossimi trimestri, scenario in cui la crisi attuale verrebbe gradualmente superata”.

‘Incertezza maggiore del 2021, stime difficili’ – Il Def 2022 è stato redatto “in un momento più complesso dell’anno scorso, per l’incertezza maggiore di quest’anno. Fare previsioni è sempre difficile, farle in questo momento è ancora più difficile” ha sottolineato il ministro. 

‘Con guerra regole Ue su debito più problematiche’  – Nel quadro della riforma del Patto di stabilità europeo, “una regola problematica è la regola del ventesimo di riduzione del rapporto debito/Pil” – aggiunge il titolare dell’Economia. “Dobbiamo riflettere se le regole rispondano perfettamente a ciò che le politiche economiche dei Paesi dovranno fare”; ha detto Franco citando “le nuove sfide, la pandemia, la grossa riconversione ambientale che richiederà investimenti pubblici e privati, e ora questo scenario economico e politico determinato dall’attacco russo all’Ucraina”.

‘Su caro-energia stanziato più di Francia-Germania’  – “La nostra politica di bilancio cerca di essere il più espansiva possibile”, e “se guardiamo alle misure per gestire i costi dell’aumento di energia”, l’Italia in rapporto al Pil ha stanziato “più di quanto stanziato da Francia e Germania, sebbene la Germania abbia varato nuove misure, quindi è un confronto in divenire” ha concluso il ministro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: