ECONOMIA: OCCHI PUNTATI SUL DIRETTIVO FED

Due gli avvenimenti, entrambi istituzionali, che caratterizzano la settimana economico-finanziaria dei mercati: i lavori della Fed, che culmineranno mercoledì con la conferenza stampa del presidente, Jerome Powell, e il giorno dopo l’assemblea generale di Confindustria. Da segnalare anche la pubblicazione dell’Interim economic outlook dell’Ocse. A chiudere, domenica 26, le elezioni in Germania, che non mancheranno di influenzare i mercati nella settimana successiva.

L’attenzione per questa ottava è comunque concentrata sulla Fed: gli investitori sono convinti che il tapering, la riduzione del piano di acquisto di asset da 120 miliardi di dollari al mese varato per contrastare gli effetti economici della pandemia, non sarà avviato prima di novembre, ma i dati macroeconomici contrastanti delle ultime settimane hanno aumentato l’incertezza. Secondo Siddhartha Khemka, ricercatore della Motilal Oswal Financial Services “se dovessero arrivare indicazioni dal meeting sui tempi dell’avvio del tapering, la prospettiva di un ritiro degli stimoli all’economia e l’aumento dei tassi di interesse potrebbero comunque avere effetti sugli investitori”.

L’altro appuntamento di rilievo è l’assemblea Confindustria. Dopo la relazione del presidente di Confindustria Carlo Bonomi e il tradizionale intervento del ministro per lo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, è molto atteso il discorso di chiusura del presidente del consiglio Mario Draghi. L’intervento del premier non è un inedito: già in passato Giuseppe Conte, Romano Prodi e Silvio Berlusconi presero la parola davanti alla platea degli industriali. Stretto riserbo sulle linee guida dell’intervento di Bonomi ma il presidente potrebbe rilanciare un appello alla responsabilità e all’unità, sulla scia del grande patto per l’Italia lanciato all’ultima edizione dell’Assemblea e invocato a più riprese negli ultimi mesi.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: