Harry Styles: “Grato per tutto quello che l’Italia mi ha dato”

La popstar torna in concerto in Italia. E sul accenna anche “Se telefonando” di Mina

L’attesa è durata due anni e mezzo, tanti quanti ne sono passati da quando vennero messi in vendita i biglietti per le due sole date italiane del tour, andate sold out in una manciata di minuti: era il novembre del 2019. I concerti erano originariamente in programma già nella primavera del 2020, prima che la pandemia spingesse Harry Styles e il suo team a rimettere mano al suo calendario. L’entusiasmo che la popstar britannica da 85 milioni di copie vendute a livello mondiale, prima con gli One Direction e poi da solo, ha mostrato sul palco, hanno ripagato le aspettative dei fan.

Ai 15 mila che ieri sera hanno riempito l’UnipolArena di Bologna per il primo dei due appuntamenti nel nostro paese del “Love on tour” (stasera farà tappa al PalaAlpitour di Torino), Harry Styles ad un certo punto si è anche rivolto in italiano: “Sto imparando l’italiano, ma molto lentamente – ha detto il 28enne cantautore – quindi per favore siate pazienti con me. Alcuni dei momenti più felici e speciali della mia vita sono stati in Italia e sono molto grato per tutto quello che questo paese mi ha dato. Quindi a tutti voi va il mio amore”. Poco dopo l’ex One Direction ha pure accennato il ritornello di “Se telefonando” di Mina, sorprendendo tutti.

L’ultimo concerto di Harry Styles in Italia fu ospitato quattro anni fa, nell’aprile del 2018, proprio dall’UnipolArena di Bologna. Ieri sera il cantautore è tornato ad esibirsi sul palco del palasport bolognese proponendo lo show che sta portando in giro per il mondo e che lo scorso anno solo con le date negli Usa gli ha permesso di vendere 720 mila biglietti e incassare al botteghino qualcosa come 95 milioni di dollari, circa 93 milioni di euro. Da “Music for a sushi restaurant” (il brano che apre anche l’ultimo album “Harry’s House”, uscito a maggio e già campione delle classifiche) a “Kiwi”, passando per “Golden”, “Treat People with kindness”, “Sign of the times”, “Watermelon sugar” e “As it was”, in un’ora e mezza di concerto Harry Styles ha ripercorso sul palco la carriera che da ex componente di una boy band come gli One Direction lo ha reso oggi una delle stelle della musica più influenti.

SETLIST

Music for a Sushi Restaurant 
Golden 
Adore You 
Daylight 
Cinema 
Keep Driving 
Matilda 
Boyfriends 
Lights Up 
Satellite 
Canyon Moon 
Treat People With Kindness 
What Makes You Beautiful – Cover di One Direction 
Se telefonando – Cover di Mina 
Late Night Talking 
Love of My Life 

BIS #1

Sign of the Times 
Watermelon Sugar 
Medicine 
As It Was 
Kiwi 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: