HONG KONG LA POLIZIA CARICA I MANIFESTANTI

HONG KONG, HONG KONG - JUNE 12: A protester makes a gesture during a protest on June 12, 2019 in Hong Kong China. Large crowds of protesters gathered in central Hong Kong as the city braced for another mass rally in a show of strength against the government over a divisive plan to allow extraditions to China. (Photo by Anthony Kwan/Getty Images)

La polizia di Hong Kong ha esploso cariche di gas lacrimogeni nel quartiere di Causeway Bay, mentre centinaia di persone marciavano in strada per protestare contro la legge sulla sicurezza nazionale in discussione al Congresso del popolodi Pechino, accusata di infliggere un colpo letale all’autonomia dell’ex colonia. I manifestanti denunciano la proposta come una minaccia alle libertà civili e alla fine del principio “Una Cina, due sistemi”.

Gli attivisti si sono riuniti in due punti principali: presso il grande magazzino Sogo di Causeway Bay e al Southorn Playground di Wanchai a partire dalle 13 locali (le 7 in Italia), al fine di dare vita a una marcia non autorizzata per dimostrare alla comunità internazionale che gli “hongkonger” hanno ferma determinazione nella lotta per la  democrazia.

La polizia si è fatta trovare pronta in assetto antisommossa e ha inizialmente ordinato alla folla di disperdersi. Gli attivisti hanno scandito slogan come “Niente rivoltosi, solo tirannia”.

Alle 14:24 locali è stato lanciato il primo gas lacrimogeno all’incrocio tra Hennessy Road e Percival Street. L’attivista di Power People Tam Tak-chi era stato arrestato solo pochi minuti prima mentre conduceva quello che chiamava un “discorso sulla salute” fuori dal grande magazzino Sogo, sostenendo che tali assembramenti erano esenti dalle regole anti-coronavirus che vietano le riunioni di più di otto persone.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: