I Muse stanno per annunciare il nuovo album? 

Qualcosa bolle in pentola. Cosa? Lo scopriremo presto

Qualcosa si muove, in casa Muse. Dopo aver pubblicato a gennaio il singolo “Won’t stand down”, la band capitanata da Matt Bellamy tiene sulle spine i fan con un misterioso video lungo poco più di trenta secondi che sembra – e i fan l’hanno interpretato come tale – un trailer che presenta un nuovo progetto.

Le atmosfere della clip ricordano un po’ quelle di “Blade Runner 2049”, il sequel del capolavoro di Ridley Scott girato nel 2017 da Denis Villeneuve: in un deserto dalle tonalità arancioni, alcuni personaggi demoliscono tre gigantesche statue che riproducono le fattezze dei tre componenti della band britannica, il frontman Matt Bellamy, il bassista Chris Wolstenholme e il batterista Dominic Howard. La scena si conclude con un fermoimmagine che ha tutta l’aria di essere la copertina del nuovo album del gruppo.

I Muse non pubblicano un nuovo album di inediti da quattro anni: l’ultimo, “Simulation theory”, uscì nel 2018. Nella discografia della band non c’era mai stato un intervallo di tempo così lungo tra un disco e il suo successore.

“Credo che l’industria musicale sia cambiata moltissimo da quando abbiamo iniziato, sicuramente da quando abbiamo pubblicato il nostro primo disco”, spiegò Wolstenholme nel 2017, pochi mesi prima dell’uscita di “Simulation theory”, “benché negli ultimi cinque o sei anni lo streaming sia diventato il mezzo principale attraverso il quale la gente ascolta musica, credo che questo fenomeno abbia influenzato il modo in cui la gente la ascolta, la musica. Le persone, oggi, tendono a non impegnarsi nell’ascolto di un intero album come succedeva quando ero più giovane. Certe volte, come gruppo, anche quando non sei impegnato su progetti precisi, non senti il bisogno di registrare un album intero”. 

Con i Muse in pausa forzata anche a causa della pandemia – l’ultimo tour rimane quello in supporto allo stesso “Simulation theory”, che tenne impegnata la band sui palchi mondiali fino alla fine del 2019 – il frontman della formazione, Matt Bellamy, ne ha approfittato per spedire nei negozi il suo primo disco da solista. “Cryosleep” è uscito nell’estate del 2021 in occasione del Record Store Day, l’evento mondiale che celebra i negozi indipendenti di musica: il disco, pubblicato in vinile, ha raccolto brani come “Pray” (dalla colonna sonora de “Il trono di spade”) e il singolo “Tomorrow’s World”, oltre alle versioni soliste di brani dei Muse come “Unintended”, “Take a bow” e “Guiding light” (per inciderla Bellamy ha usato la chitarra che Jeff Buckley suonò per l’album “Grace”, da lui acquistata l’anno scorso).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: