IL TEATRO DELL’OPERA? NO E’ IL PARLAMENTO

Nuova polemica in Parlamento tra destra e maggioranza. A scatenarla il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, che in avvio dei lavori ha criticato l’iniziativa di ieri sera di Laura Boldrini e di altri parlamentari Pd in ricordo di George Floyd, definendola una “sceneggiata”.

Boldrini nel suo intervento aveva ricordato L’UCCISIONE DELL’AFROAMERICANO che ha scatenato grandi proteste negli Stati Uniti e condannato ogni forma di razzismo. Assieme ad un gruppo di esponenti dem si era quindi inginocchiata, riprendendo la forma di protesta antirazzista che si è diffusa in Usa.

“Io credo che la sceneggiata che abbiamo visto ieri, qui, nell’emiciclo della Camera dei deputati non c’entri niente con il razzismo. Tutti noi – ha detto Donzelli – condanniamo il razzismo senza ambiguità, ma queste sceneggiate squalificano anche le lotte contro il razzismo”.

“Non abbiamo visto nessuno – ha continuato – inginocchiarsi quando è stata uccisa Pamela, non abbiamo visto nessuno inginocchiarsi quando le forze dell’ordine si sacrificano per difendere il popolo italiano, non abbiamo mai visto inginocchiarsi nessuno quando le forze dell’ordine sono costrette al suicidio perché abbandonate dallo Stato”.

“Il paradosso – ha aggiunto -, è che, mentre è stato consentito di inginocchiarsi, tutti vicini uno accanto all’altro, in quest’Aula, per Floyd, allo stesso tempo non è consentito inginocchiarsi nelle chiese ai fedeli davanti a Dio”.

“Non ci sono abusi in Italia tali da giustificare quanto è accaduto e, se ci sono, siete al Governo non fate sceneggiate e risolveteli”, ha aggiunto Donzelli.

Il suo intervento è stato accolto dalle proteste provenienti dai banchi di Pd, Leu e M5s.

“Il deputato Giovanni Donzelli, di Fratelli d’Italia non ha perso occasione per svolgere un intervento inaccettabile. Rispediamo al mittente l’accusa di ‘pagliacciata’ nei confronti delle parole pronunciate in Aula dalla collega Laura Boldrini e dagli altri deputati”. Così in una nota il gruppo del Pd alla Camera ha commenta le affermazioni di Donzelli.

“Da Washington a New York, da Londra a Sydney, da Tunisi a Seul, da ROMA  a Bologna a Torino a Tokyo. Tutto il mondo – prosegue la nota – si è inginocchiato, in un gesto ormai diventato il simbolo della protesta per la morte di Floyd. Le frasi di Donzelli risultano improprie e fuori luogo poiché Laura Boldrini ha svolto un intervento sui temi dell’antirazzismo ricordando che milioni di persone sono scese in piazza in tutto il mondo contro il razzismo e i violenti abusi di potere”.

“Ed era importante e doveroso – conclude la nota – ricordare anche nell’Aula di Montecitorio George Floyd e riaffermare il netto rifiuto contro ogni forma di discriminazione. Non c’è stata nessuna pagliacciata e usare questo termine per un atto che si è ripetuto in tutto il mondo rivela la strumentalità dell’intervento di questa mattina in Aula e l’allergia di certa destra su questi temi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: