Jimmy Page al lavoro “su diversi nuovi progetti”

Quali, di preciso? ‘Preferisco non dirlo, perché…’

Sbagliava, Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers, quando – parlando della mancata collaborazione di Jimmy Page alle registrazioni del nuovo album di Ozzy Osbourne, ormai giunto alle fasi finali della lavorazione – a proposito del già chitarrista dei Led Zeppelin disse “non penso che ormai suoni più tanto”. Lo storico sodale di Robert Plant suona eccome. Solamente, è molto riservato. A spiegarlo è stato lo stesso Page nel corso di un’intervista rilasciata all’edizione britannica di Classic Rock.

“Ci sono diverse cose sulle quali sto lavorando”, ha spiegato la leggenda delle sei corde: “Non è un progetto unico, sono robe differenti. E non voglio nemmeno accennarle, perché se lo facessi la gente prenderebbe un frammento di quanto detto e, in mancanza di riscontri, inizierebbe con la solita storia: ‘perché non hai fatto un disco solista?’. Ecco perché non voglio dire cosa sto facendo: non voglio dare alle persone la possibilità di interpretare male le mie parole”.

“Non riesco a dire, sapendo di essere registrato, cosa mi sta occupando”, ha proseguito Page: “Lo lascerò alla vostra immaginazione. Il fatto è che ci sono tanti modi in cui potrei presentarmi oggi come oggi. Anzi, non proprio oggi: rettifico. In un determinato lasso di tempo”.

Riguardo invece la mancata collaborazione con il connazionale Osbourne, Page pare abbia individuato nelle restrizioni imposte dalla pandemia da SarS-Cov-2 le cause della rinuncia all’invito. “Non sarò mai il tipo di musicista che registrano da sole in casa e poi mandano il file a qualcuno”, ha spiegato l’artista: “Non è per questo che mi sono dedicato alla musica. Anzi: se faccio musica, è per farla insieme ad altri”.

La cautela dell’artista nell’annunciare progetti discografici futuri è comprensibile. Nel 2018 Page, intervistato da SiriusXM, “garantì” di essere prossimo a presentare nuovo (e non meglio identificato) materiale musicale che – ovviamente – non venne mai alla luce. E se il lavoro del chitarrista fosse invece rivolto a un eventuale ritorno sui palchi? “Quando siamo entrati nel primo lockdown ho pensato: ‘Bene, questo è il momento giusto per iniziare a pensare di tornare sui palchi e di esibirsi“, aveva detto Page a GQ a novembre del 2020, per poi ritrattare circa un mese dopo a “Total Guitar: “Ci ho pensato, è meglio che mi alleni seriamente prima [di tornare ai concerti]. Perché è passato molto tempo dal concerto all’O2 Arena…”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: