Jussie Smollett, 5 mesi di carcere per falsa aggressione 

L’attore ribadisce la sua innocenza e teme per la sua vita

Actor Jussie Smollett after his court appearance at Leighton Courthouse on March 26, 2019 in Chicago, Illinois. This morning in court it was announced that all charges were dropped against the actor.

Il copione del film Jussie Smollett finisce con una condanna a cinque mesi di reclusione.

Il ruolo della vittima in quella che si è rivelata una falsa aggressione omofoba e razzista è costata all’attore, famoso per il personaggio di Jamal Lyon nella serie tv ‘Empire’, anche 30 mesi in libertà condizionata, un risarcimento da 120 mila dollari e una multa da 25 mila dollari per una falsa denuncia alla polizia nel gennaio del 2019.

Dopo aver ascoltato la sentenza, Smollett si è alzato, ha abbassato la mascherina e ha ribadito la sua innocenza. “Vostro onore – ha detto – rispetto lei e la giuria ma non ho commesso questo reato”. Poi rivolgendosi alla corte, “Non ho tendenze suicide e se mi accade qualcosa mentre sono dentro non sono stato io a farmi del male. E’ bene che lo sappiate”. Mentre veniva scortato in cella in manette ha gridato di nuovo di essere innocente alzando il pugno. 
   

Il giudice della contea di Cook (Chicago, ndr) James Linn ha argomentato per circa 30 minuti prima di leggere la sentenza, affermando che è stato l’attore a scrivere il copione e a ingaggiare gli attori per la truffa. Inoltre la premeditazione del gesto è stata un’aggravante nel caso. 
   

Smollett è stato giudicato colpevole lo scorso dicembre per cinque capi d’imputazione dopo avere fatto false dichiarazioni su quello che egli definì un crimine di odio anti razziale e anti gay. L’attore, che è afro americano e gay, disse alla polizia di Chicago di essere stato aggredito, nel febbraio 2019, da due uomini che avrebbero urlato contro di lui insulti omofobi, gettandogli addosso candeggina e legandogli un cappio al collo. La presunta aggressione suscitò indignazione da parte di celebrità e politici che si precipitarono a difenderlo pubblicamente. La polizia di Chicago aprì un fascicolo per un possibile crimine d’odio. Tuttavia gli investigatori si resero presto conto che si trattava di un’orchestrazione e che era stato lo stesso Smollett a pagare i due uomini, due fratelli, per inscenare l’aggressione. (ANSA). 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: