LA BANCA GLI PIGNORA CASA LUI LA DEMOLISCE E CONSEGNA LE CHIAVI

Chi paga il mutuo per la propria casa, sa perfettamente che mantenerla per non rischiare di perderla a volte non è affatto semplice. Di questi tempi poi, caratterizzati da una crisi economica molto nera che non ha risparmiato e non sta risparmiando nessuno, di nessun ceto sociale, pagare tutte le spese necessarie per non far mancare un tetto sotto il quale mangiare oppure dormire la propria famiglia non è compito facilissimo. Una cosa che sa benissimo un uomo bulgaro che con il suo gesto di “vendetta” ha fatto praticamente il giro del mondo…

Questa storia assurda è avvenuta qualche anno fa a Lovech, in Bulgaria; in questo paese dell’Europa dell’Est un uomo stava avendo un’enorme difficoltà nel poter pagare le rate del mutuo della sua casa; recandosi dal direttore della Banca, con la quale purtroppo era in debito da qualche tempo, ha cercato di convincere il responsabile dell’istituto finanziario di avere cuore e di dargli del tempo supplementare per poter estinguere questo debito, ma il direttore era stato inamovibile: lui e la sua famiglia dovevano necessariamente lasciare la casa entro una settimana e consegnare le chiavi al nuovo proprietario.

Il padre di famiglia bulgaro era disperato, non sapeva cosa fare, fino a quando ha avuto un’illuminazione: il terreno su cui la loro casa era stata edificata non faceva parte del mutuo da pagare, così ha deciso di demolire l’intero edificio, e di consegnare le chiavi della casa al suo legittimo proprietario, ovvero la banca, la cui sede si trovava però a Teteven, nel Nord del paese dell’Est Europa. Tutte le macerie della casa sono state diligentemente trasportate da un grosso camion che ha fatto poi un lunghissimo viaggio verso Nord, in direzione della sede della filiale della banca dove anni prima aveva stipulato il contratto del mutuo.

Quando il camion con le macerie è arrivato davanti la piazza antistante la filiale della banca a Teteven, queste ultime sono state letteralmente scaricate davanti agli occhi sbalorditi ed increduli degli impiegati della banca; poi, l’uomo bulgaro, è entrato in ufficio, si è diretto verso il direttore dell’istituto finanziario ed ha consegnato le chiavi della sua ex-casa al suo legittimo “proprietario”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: