Perotti, la Roma e il sogno Boca. Ma il padre azzarda: “Magari arrivano i cinesi…”

ALFREDO FALCONE

L’argentino ha il contratto in scadenza nel 2021, ma potrebbe andare via subito, anche per ridurre il monte ingaggi giallorosso

In attesa dell’eventuale ripresa del campionato, non c’è giorno che a Trigoria e all’Eur – intesi in questa fase come luoghi virtuali – non si ragioni su come rendere meno pesante il monte ingaggi della Roma. Dopo l’accordo collettivo sugli stipendi, la società intraprenderà conversazioni singole su eventuali tagli o spalmature con i giocatori che guadagnano di più (e i loro agenti). Tra questi c’è certamente Perotti, che ha un ingaggio che è più vicino ai 3 milioni che ai 2 e ha il contratto in scadenza tra un anno. A 32 anni, che compirà a luglio, Perotti vorrebbe arrivare a scadenza e poi vedere se riuscirà a tornare in Argentina, magari per chiudere, come ha detto più volte, la carriera al Boca. Ma suo padre, l’ex calciatore e compagno di Maradona Hugo, rispondendo alle 100 domande del sito La Nacion, apre anche ad altri scenari: “Non so se tornerà al Boca, non dipende solo da lui. Bisognerà vedere se al momento il Boca avrà bisogno di uno come lui, cosa vorrà fare il ragazzo e se ci saranno tutte le condizioni, tecniche ed economiche. È un’ipotesi, non ha senso generare aspettative. Magari quando sarà il momento, visto che non ha ancora terminato la carriera in Europa, i cinesi appaiono e mettono sul piatto cento milioni di dollari, è impensabile saperlo ora. Quando e se Dio vorrà, speriamo possa accadere”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: