TENNIS: UCRAINA, SVITOLINA

Se i giocatori non criticano pubblicamente il governo russo, è giusto non farli giocare. 
    Vogliamo che facciano sentire la loro voce, che si schierino con il governo russo o con il resto del mondo. Questo per me è il punto centrale”. Alle critiche di ATP e WTA, che hanno definito ingiusta l’esclusione degli atleti russi e bielorussi da parte del torneo londinese, Svitolina ha risposto che i due organismi non “hanno preso una posizione rapidamente come avremmo voluto”. 
    “Abbiamo visto che sono state imposte sanzioni ai cittadini russi. Perché i tennisti devono essere trattati in maniera diversa? – la replica di Svitolina -. Non penso che sia giusto. 
    Ci sono molti tennisti russi che possono fare di più. Posso contarli su una mano quelli che mi hanno chiesto come sto, o come sta la mia famiglia. E’ una situazione che mi rende molto triste, perché sono colleghi che incontri tutte le settimane in giro per il mondo”. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: