Zero Contact: Anthony Hopkins salvatore del mondo o genio del male 

Parla di isolamento, intelligenze artificiali e strane apparizioni il thriller fantascientifico Zero Contact.

Fa davvero piacere vedere Sir Anthony Hopkins recitare ancora a 84 anni, e con quale energia! L’attore britannico, che ha vinto il suo secondo Oscar nel 2021 per The Father, è fra i protagonisti di un thriller nuovo di zecca intitolato Zero Contact e che segna l’esordio nella regia di un certo Rick Dugdale.

Zero Contact uscirà in digitale e on demand il 27 maggio ed è girato prevalentemente con la tecnica del found footage. Si parla molto in videoconferenza, dal momento che i personaggi vivono in isolamento. Il resto del cast è composto da Adrian Holmes, Aleks Paunovic, Chris Brochu, Rukiya Bernard, Lilly Krug e Veronica Ferres.

La trama di Zero Contact

Echi dei vari lockdown sono ben presenti di Zero Contact, dal momento che si comunica molto tramite il computer e lo smartphone. Ma chi sono i personaggi del film? E in che avventura si trovano coinvolti? Ce lo spiega la sinossi ufficiale:

Interpretato dal Premio Oscar Anthony Hopkins, questo thriller high-tech reimmagina in maniera inquietante il nostro mondo in cui isolamento e realtà virtuale hanno tanta parte. Hopkins impersona Finley Hart, l’eccentrico genio che sta dietro a un programma globale di data-mining. Dopo la sua morte, quattro agenti lontani – fra cui il figlio di Finley – vengono contattati da una misteriosa intelligenza artificiale affinché facciano ripartire l’iniziativa, che potrebbe permettere i viaggi nel tempo. Mentre sinistri eventi cominciano ad accadere nelle abitazioni degli agenti, questi devono decidere se, inserendo la loro password, potranno salvare il mondo oppure distruggerlo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: