Angelina Jolie su Harvey Weinstein: “Mettevo in guardia la gente da lui” 

Angelina Jolie ha raccontato come abbia cercato di evitare negli anni Harvey Weinstein, e di come la questione abbia pesato nel suo rapporto con Brad Pitt.

Lo scandalo che ha travolto Harvey Weinstein e ha dato origine al movimento #metoo ha portato all’arresto e alla condanna del produttore, che sta scontando a New York una pena di ventitré anni per violenza sessuale. Promuovendo col Guardian il suo libro “Know Your Rights and Claim Them: A Guide for Youth” per i più giovani (“Conosci i tuoi diritti e reclamali: una guida per i giovani”), Angelina Jolie è tornata a parlare della sua personale esperienza con la persona che, approfondimento dopo approfondimento, si è scoperta essere un vero molestatore seriale. La Jolie ha raccontato inoltre come l’importanza della Miramax a Hollywood abbia pesato anche sul suo rapporto con Brad Pitt, quando si discuteva della questione Weinstein.

Avevo lavorato con lui quando feci Scherzi del cuore. […] Se esci dalla stanza in tempo, pensi che abbia fatto un tentativo ma non ci sia riuscito, no? La verità è che il tentativo e l’esperienza stessa del tentativo sono un’aggressione. […] Era una cosa da cui dovevo fuggire, mi tenevo alla larga e avvertivo la gente di stare attenti a lui. Ricordo di aver detto al mio primo marito Jonny Lee Miller, che fu meraviglioso, di diffondere la voce presso gli altri uomini, di non lasciare andare le ragazze da sole da lui. Mi chiesero di fare The Aviator, ma dissi di no perché c’entrava anche lui. Non feci mai più parte di un suo progetto né ho lavorato con lui di nuovo. Fu difficile per me quando lo fece Brad. […] Litigammo. Naturalmente mi faceva male.

Lo scopo del libro di Angelina Jolie, da poco sbarcata su Instagram all’unico scopo di promuovere cause umanitarie (è ambasciatrice dell’UNHCR da anni), è di aiutare chi si affacci al mondo più impreparato di quanto pensi: “Cominciai a lavorare molto giovane per aiutare mia madre a pagare le bollette. Non mi rendevo conto di come meritassi di essere trattata da ragazza e da essere umano. Non pensavo di essere nata con quei diritti e quelle protezioni.”

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: