BORSA EUROPA BENE

Proseguono positive le principali Borse europee, mentre sono contrastati i future Usa, con quelli su Dow Jones e S&P 500 positivi, mentre sono in rosso quelli sul Nasdaq. Negli Stati Uniti intanto, i dati sulla spesa personale di febbraio sono in calo ed è in corso un confronto diplomatico a distanza con Pechino e Mosca. A tenere banco a livello globale resta la questione vaccini e tra le notizie ci sono il via libera dell’Ema al commercio in Ue per sito tedesco di Pfizer e al sito olandese di AstraZeneca. Tra i mercati europei il migliore è Madrid (+0,9%), seguito da Francoforte (+0,8%), Londra (+0,6%) e Parigi (+0,5%). Fanalino di coda Milano (+0,3%), con lo spread in lievissimo calo a 96,7 punti e il rendimento del decennale italiano allo 0,62%. 
    L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna lo 0,6%, trainato dall’energia, mentre pesano in negativo utility e beni di prima necessità. Prosegue innanzitutto il rialzo dei petroliferi, in particolare di Galp (+3,9%) e Tenaris (+3,2%), col greggio che continua a correre (+3,3%) a 60,5 dollari al barile, per il blocco del canale di Suez, che alcuni analisti ritengono influirà su tutto, compresi cereali e auto, vista l’interruzione della catena di approvvigionamento dall’Asia all’Europa. Guadagni per i semiconduttori, in particolare Asm (+2,3%) e Nordic Semiconductor (+2,7%). 
    Nell’industria bene soprattutto il trasporto aereo, in particolare per Dsv Panalpina (+2,9%) e Royal Mail (+2,7%). 
    Positiva la maggioranza delle banche, a iniziare da Dnb Asa, Danske Bank e Banco Santander (+2,4%). Tra le auto bene soprattutto Ferari (+1,2%) e Volkswagen (+1%). Farmaceutici invece a più velocità, con guadagni per Ucb (+1,1%) e Ipsen (+1,2%) e perdite per Orion (-3,9%) e Roche (-0,3%). 

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: