Caso Malika Chalhy, Tommaso Zorzi: “Si è rivelata una persona torbida”. Gaia Zorzi dice la sua

Queste le parole che i fratelli Zorzi hanno speso in merito al caso di Malika Chalhy.

Nei mesi scorsi, la storia di Malika Chalhy aveva commosso tutti, tanto che numerose persone avevano deciso di contribuire economicamente per permetterle di avere il futuro che lei sognava, ma che la sua famiglia le stava impendendo di costruirsi. La 22enne, infatti, era stata cacciata di casa dai genitori e dal fratello dopo aver confessato loro di amare una ragazza. A causa del suo orientamento sessuale, che per i familiari era inaccettabile, Malika si è improvvisamente ritrovata sola, ed in mezzo ad una strada. Così, sua cugina si è adoperata per dare vita a due raccolte fondi, a cui, pian piano, hanno preso parte anche alcuni volti noti; alla fine,la cifra raggiunta superava i 140mila euro. In occasione di alcune ospitate televisive, come quella a Le Iene e al Maurizio Costanzo Show, la Chalhy ha pubblicamente dichiarato che una parte delle donazioni le sarebbe servita per le spese legali e psicologiche, l’altra, invece, l’avrebbe devoluta in beneficienza.

In questi giorni, però, la sorella di Tommaso Zorzi, Gaia, ha postato una storia Instagram, in cui la protagonista è proprio Malika, ripresa mentre è alla guida di una Mercedes. Lo stesso giorno del video, quest’ultima è stata ospite di Gabriele Parpiglia nel suo talk d’inchiesta Il Bianco e il Nero; il giornalista, senza mezzi termini, le ha chiesto: “Ti sei comprata un bolide, una macchina?”, ma lei ha risposto:”Stai scherzando? Io vorrei dire una cosa a queste persone: prima di dire le cose senza sapere e senza conoscere, è bene che s’informino”. Ed ha dichiarato che la Mercedes non fosse la sua, bensì le era stata prestata dai genitori di Camilla, la fidanzata con la quale, ad oggi, convive a Milano.

La verità, però, alla fine è venuta a galla, grazie ad un’inchiesta di Selvaggia Lucarelli: durante la sua intervista, la Chalhy ha confermato di aver acquistato quel veicolo, per togliersi “uno sfizio”. In più, in questo modo, è venuto fuori che ha anche comprato un cane, o meglio un bulldog francese, dal valore di 2.500 euro, affermando che le “serve come supporto psicologico, quindi è un bene di prima necessità”. Quando la giornalista le ha fatto notare che avrebbe potuto trovarsi un “trovatello”, lei avrebbe risposto: “Sono soldi miei, ci faccio quello che mi pare, o devo consultarti prima di spenderli?”.

Gaia Zorzi, sul suo profilo Instagram, ha da poco chiarito la sua posizione:

All’inizio non sapevo se dire qualcosa sulla questione di Malika, ma capisco, visto il casino, che la gente si chiede quale sia stato il mio ruolo nella vicenda. Letteralmente il mio “ruolo” è stato fare una storia perché ero felice di averla conosciuta per la prima volta. Ora è strano leggere sui giornali che siamo grandi amiche quando nessuno mi ha chiesto che tipo di relazione avevamo io e Malika, L’avevo contattata per la prima volta dopo il servizio de Le Iene, scrivendole un messaggio di solidarietà e l’ho incontrata il famoso giorno della story in macchina. Per di più pochi giorni prima dell’articolo di Selvaggia ci eravamo già tolte il follow da Instagram per altre incomprensioni, quindi io non sono in contatto con Malika e non posso dare risposte a quello che sta succedendo.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: