ECONOMIA: ITA AIRWAYS

Ita, la nuova compagnia aerea nazionale a totale controllo pubblico, rientra nell’associazione confindustriale Assoaereo e torna ad applicare il Contratto nazionale di lavoro del settore ai suoi dipendenti. Contratto che, intanto, è stato rinnovato nei suoi contenuti dopo 5 anni. Previste anche 4000 nuove assunzioni, probabilmente entro giugno 2022, tra persone che hanno in mano le abilitazioni al volo. Molte, dunque, potranno arrivare dal personale di Alitalia. In una nota, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo spiegano che le retribuzioni della forza lavoro di Ita – sia di terra che di volo – saranno collegate intanto a  Premio di risultato variabile. Premio “che terrà conto dei miglioramenti di qualità”. Pareggio entro il 2023 Ita Airways spiega, a sua volta, che il Premio sarà collegato agli “obiettivi di profittabilità del business plan che prevedono il raggiungimento del pareggio operativo nel secondo trimestre del 2023”. Il Premio, dunque, sarà calcolato “mediante la combinazione tra la redditività economica dell’azienda e la soddisfazione del cliente misurata con il sistema certificato Nps (Net Promoter Score)”. Questa componente variabile rappresenterà il 15% del livello retributivo, e sarà articolata su base semestrale.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: