ECONOMIA: MUTUI

Che fare se dovesse venir meno il gas della Russia, il principale fornitore italiano con i suoi 28-30 miliardi di metri cubi che fa arrivare ogni anno in Italia? Come riscaldare case e uffici, sostenere le produzioni industriali energivore e alimentare le centrali elettriche? Già da prima dell’invasione dell’Ucraina, da quando Mosca ha cominciato ad ammassare truppe al confine, Palazzo Chigi ha cominciato a interrogarsi su come far fronte all’inevitabile: come sostituire il gas in arrivo dai giacimenti della Siberia, che in anni passati ha soddisfatto anche più del 40% del fabbisogno nazionale? Una preoccupazione che si è fatta pressante una volta scoppiato il conflitto, ancora di più dopo il “ricatto” di Vladimir Putin che ha fatto approvare un decreto con cui minaccia di farsi pagare in rubli per aggirare le sanzioni occidentali e non in euro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: