ECONOMIA: SETTIMANA CALDA PER I MERCATI

Nella settimana entrante sono molti i dati economici e gli appuntamenti che possono influenzare in mercati: l’evento piu’ atteso e’ senza dubbio il simposio di politica monetaria di Jackson Hole che si terra’ da giovedi’ 26 a sabato 28 agosto nel Wyoming alla presenza del numero uno del Fed Jerome Powell ma senza la partecipazione del numero uno della Bce Christine Lagarde.

Si comincia lunedì con la diffusione degli indici manifatturieri in tutto il mondo: prima in Giappone e Cina per poi passare all’Eurozona e al Regno Unito fino agli Usa. Poi si guarderà ai numeri sulla crescita di Germania e Stati Uniti: martedi’ viene reso noto il Pil tedesco del secondo trimestre (atteso al +1,5% come nel trimestre precedente) e giovedi’ la seconda lettura di quello americano (previsto al +6,7% contro il +6,5% precedente), insieme ai sussidi settimanali di disoccupazione. Sempre il 26 in Italia l’Istat diffonde i dati su fatturato e ordinativi all’industria, con particolare attenzione al settore auto condizionato dalla carenza globale dei chip. Infine alcuni indicatori sulla fiducia delle imprese e dei consumatori: martedi’ 25 viene pubblicato l’Ifo tedesco e venerdì è la volta dell’Istat.

Il meeting di Jackson Hole si svolgera’ online e non in presenza come previsto inizialmente, segno chiaro dell’impatto della variante Delta sulla diffusione del Covid-19 e sull’economia. I riflettori saranno puntati soprattutto sul discorso che terrà Powell. La Fed ha riferito che Powell al simposio parlerà genericamente “dell’outlook economico”, senza fornire indizi immediati sulle tempistiche per la revoca delle misure di sostegno all’economia. Ma questo è il punto su cui sono puntati gli occhi dei mercati e dunque sarà difficile ignorarlo completamente. Nelle ultime minute della riunione dello scorso luglio e’ trapelata un’accelerazione sul tapering, cioe’ sull’inizio del ritiro dell’enorme sostegno finanziario all’economia Usa, che da oltre un anno alimenta il boom delle Borse. In pratica, dai verbali della riunione dello scorso 27-28 luglio i principali esponenti della banca centrale Usa hanno indicato entro l’inizio dell’anno l’avvio del tapering.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: