Harry Styles è davvero l’erede di Robbie Williams? 

Risposta: sì. Ecco “As it was”, il primo singolo estratto dal nuovo, attesissimo album di inediti

Il più grande entertainer della sua generazione, come Robbie Williams lo è stato per la sua? Sì. D’altronde era stato lo stesso ex Take That a parlare dell’ex One Direction come di un suo possibile erede: “È il nuovo me”, aveva detto la voce di “Angels”, in tempi non sospetti. Quell’eredità Harry Styles se l’è conquistata senza troppa fatica, con i suoi dischi da solista successivi al congelamento a tempo indeterminato degli One Direction (non hanno mai parlato di scioglimento), dall’esordio eponimo del 2017 a “Fine line” del 2019. Ora arriva il primo singolo estratto dal prossimo album, “Harry’s house”, appena annunciato: si intitola “As it was” ed è una deliziosa hit pop destinata a portare ancora una volta il 28enne cantautore britannico in cima alle classifiche internazionali.

“As it was”, scritta dallo stesso Harry Styles insieme a Kid Harpoon e Tyler Johnson, hitmaker già al fianco di Florence and the Machine, Lily Allen, Shawn Mendes, Taylor Swift, Pink e Miley Cyrus, si muove tra il pop d’alta classifica e un certo indie rock, tra chitarrine, sintetizzatori, tastiere e un ritornello appiccicoso. Le atmosfere sono multicolor, proprio come nel videoclip ufficiale della canzone, diretto dall’ucraina Tanu Muino, che lo scorso anno si è aggiudicata un American Music Award per il videoclip ufficiale di “Montero (Call me by your name)” di Lil Nas X, per il quale è anche in lizza ai Grammy Awards (che si svolgeranno questa domenica, 3 aprile). C’è il suo zampino anche dietro i videoclip di – tra gli altri – “Cotton candy” di Yungblud, “Up” di Cardi B, “Wild side” di Normani, “Rumors” di Lizzo, “One right now” di Post Malone e The Weeknd e “Chicken teriyaki” di Rosalía.

Cresce dunque l’attesa per “Harry’s house”, il terzo disco da solista dell’ex One Direction, annunciato mentre “Fine line”, quello del 2019, continua ad essere da 118 settimane – quasi tre anni – in classifica negli Usa. L’album uscirà il 20 maggio: è stato registato tra il Giappone, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Alcune anticipazioni dell’album arriveranno presumibilmente, dopo l’uscita di “As it was”, il 15 e 22 aprile, quando Harry Styles si esibirà da headliner sul palco del Coachella Festival. Il “Love on tour”, a supporto del nuovo album, partirà ufficialmente l’11 giugno da Glasgow, in Scozia, e vedrà Styles tornare ad esibirsi negli stadi e nelle arene in tutto il mondo (Italia compresa, con due date a Bologna e Torino).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: