IN SARDEGNA PER LA RIAPERTURA DELLE DISCOTECHE CI FU L’OK DEL CTS

Il parere del Comitato tecnico scientifico sardo c’è ed è favorevole”. Sono le prime indiscrezioni che si apprendono da fonti giudiziarie in Procura a Cagliari sull’inchiesta per epidemia colposa aperta dopo la trasmissione Report sull’ordinanza del governatore Christian Solinas che l’11 agosto diede il via libera alla riapertura delle discoteche in Sardegna, con il conseguente incremento di contagi.

Il giorno dopo il blitz della Polizia alla Regione per acquisire i documenti emergerebbe dunque che l’ordinanza sarebbe arrivata dopo la mail favorevole di uno degli esperti che avrebbe parlato anche a nome degli altri. L’indagine della Procura di Cagliari, dunque, va verso l’archiviazione, almeno per quanto riguarda la parte sul reato di epidemia colposa. Sono due, forse tre, le persone informate sui fatti che verranno sentite nelle prossime ore dal pool di magistrati guidati dall’aggiunto Paolo De Angelis (composto dai sostituti Daniele Caria, Guido Pani e Maria Virginia Boi), ma solo dopo che gli investigatori studieranno le carte acquisite ieri in Regione. Si tratta dei consiglieri regionali che a Report hanno ipotizzato pressioni da parte dei gestori delle discoteche per non farle chiudere. Un esame che però potrebbe chiudersi già in poche ore, visto che l’email cruciale – quella col parere favorevole sarebbe già nelle mani degli inquirenti. L’indagine è stata aperta dopo la trasmissione di Report andata in onda lunedì sera su Rai Tre, che ha raccontato la volontà del Consiglio regionale, con l’approvazione dell’ordine del giorno n. 39 dell’11 agosto scorso, di tenere aperti i locali notturni in piena pandemia assecondando le “pressioni” dei gestori dei locali soprattutto della Costa Smeralda e del cagliaritano. Oggetto della ricerca degli uomini della Polizia giudiziaria, è il parere del Comitato tecnico Scientifico (di cui tutti parlano ma nessuno ne è in possesso), che sarebbe stato assolutamente contrario alla decisione presa dal Presidente della Regione. Ipotesi questa, a quanto pare, smentita dall’e-mail favorevole

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: