LA BANCA D’ITALIA RICHIAMA LE BANCHE SULL’EROGAZIONE

La Banca d’Italia ha inviato “una comunicazione a un gruppo di banche che presentano un numero di erogazioni” di prestiti garantiti “in rapporto alle richieste ricevute inferiore al valore mediano del sistema” dove chiede “di attivarsi rapidamente per rimuovere eventuali cause di ritardo imputabili a loro carenze”. Lo afferma il responsabile della vigilanza di Banca d’Italia Paolo Angelini in audizione alla Commissione d’inchiesta. “Nella lettera chiediamo nformazioni sulle cause dei ritardi, pur sottolineando la loro piena autonomia nella decisione di concedere o meno i finanziamenti”. Dalle prime evidenze, spiega Angelini, i ritardi “non sono legati al capitale o alla liquidità” delle banche ma a una serie di fattori temporanei quali l’organizzazione, l’elevato numero di domande, le norme e le difficoltà della pandemia. 

I dati raccolti dalla Banca d’Italia evidenziano “un rapido miglioramento” dei tempi di effettiva erogazione dei crediti garantiti da parte delle banche rispetto alle domande dei clienti “ma confermano l’eterogeneità” fra i diversi istituti e “segnalano che essa non si sta per il momento attenuando” Lo ha detto il Capo del Dipartimento Vigilanza bancaria e finanziaria della Banca d’Italia Paolo Angelini in audizione alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche.

 Anche le banche saranno colpite dalla crisi”, alcune “simulazioni non sono rassicuranti”. Lo afferma il responsabile della vigilanza della Banca d’Italia Paolo Angelini in audizione alla commissione d’inchiesta sulle banche. “Una perdita del 9% del Pil quest’anno” spiega riferendosi alle stime della stessa Banca d’Italia “non potrà non incidere sulle imprese e, a catena, sulla banche che sono esse stesse imprese”. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: