Lanciano uova su re Carlo e Camilla. L’aggressione a colpi di cibo è già virale

I due reali inglesi sono stati presi di mira da un atto di protesta nei loro confronti, nella cittadina di York, fatto a colpi di uova

Il nuovo re del Regno Unito, Carlo e sua moglie Camilla Parker Bowles sono stati presi a uova in faccia durante l’ultima loro visita ufficiale nella cittadina di York. I due reali inglesi, infatti, sono finiti vittima di un attacco molto particolare nei loro confronti da parte di un uomo che, per protestare contro il nuovo sovrano, ha deciso di lanciargli addosso delle uova. Mentre si trovavano per le strade di York, accompagnati dalla loro scorta, per salutare i loro sudditi accorsi per vedere il re e la regina dal vivo, una persona, un uomo non ancora identificato, ha iniziato a lanciare delle uova crude addosso ai due cogliendoli del tutto impreparati per un’aggressione del genere.

Bisogna specificare che i due sovrani si trovavano in città per l’inaugurazione di una statua dedicata alla Regina Elisabetta II, scomparsa da appena più di un mese, e l’atmosfera gioiosa è stata subito interrotta da questo gesto che ha lasciato tutti senza parole. La scena, che è stata prontamente ripresa dai presenti, è diventata virale in pochissimo tempo mentre l’uomo responsabile del lancio delle uova e di un’aggressione verbale contro i sovrani affermando che “questo Paese è stato costruito sullo schiavismo”, è stato fermato dalle forze dell’ordine sotto le grida dei presenti al suono di “God save the King” (Dio salvi il Re). 

Sia Carlo che Camilla non sono stati colpiti direttamente, neanche sfiorati dalle uova e hanno proseguito la loro visita a York senza mostrare alcuno sgomento per l’accaduto. 

Non è la prima volta che accade qualcosa di simile. Anche in passato, infatti, era stato lanciato del cibo, e nello specifico delle uova, allo stesso Carlo nel 1995 mentre si trovava a Dublino a passeggiare e la stessa cosa era accaduta alla Regina Elisabetta II, presa di mira proprio con un lancio di uova, da alcuni protestanti a Nottingham mentre si trovava nella sua auto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: