Michele Placido e la relazione con la suora: “Mi cacciarono dal seminario”

L’attore ha ricordato gli anni del collegio a “Oggi è un altro giorno”

Michele PLACIDO.Roma 17/01/2011 Hotel Flora.Vallanzasca - Photocall.Foto Andrea Staccioli Insidefoto

Un libro pieno di ricordi, quelli della sua vita. Michele Placido lo ha sfogliato a “Oggi è un altro giorno”, facendo un bel tuffo nel passato. Tra le pagine della giovinezza gli anni trascorsi al collegio, di cui ha raccontato un aneddoto inedito: “Una volta, in una confessione, il mio confessore che mi voleva tanto bene entrò in certi particolari. Mi diceva che dovevo diventare missionario, che non dovevo commettere atti impuri. Ma a 9 anni vai a sapere cosa significava atti impuri, atti puri”. 

Qualche anno dopo è accaduto qualcosa di “grave” secondo le regole del seminario: “A un certo momento fecero un rapporto su di me e scoprirono che avevo una relazione sentimentale con una suora, a 13 anni”. Un rapporto platonico, come ha raccontato l’attore: “Comunicavamo attraverso la ruota, dove portavamo la biancheria da lavare e lei una volta mi fece trovare un panino col salame. Mi diceva che avevo bisogno di mangiare”. Michele Placido ricorda tutto perfettamente ancora oggi: “Si chiamava Antonietta, era di Avellino. Cominciò questa ‘relazione’, ma già quello non si poteva fare”. Un’amicizia, dunque, niente di più, che però gli costò l’espulsione dal seminario. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: