Noemi: “A Sanremo ho toccato il fondo, il paragone con Michelle Hunziker mi ha ferita”

La cantante racconta l’aneddoto a “Belve”

Noemi è protagonista della puntata di Belve. Con Francesca Fagnani la cantante ha passato in rassegna la sua carriera che molto è stata segnata da ben sette partecipazioni al Festival di Sanremo. E alla kermesse sono legati anche momenti particolarmente dolorosi della sua vita, come lei stessa racconta nell’intervista di cui il sito Davide Maggio riporta qualche stralcio.

Noemi: “A Sanremo 2018 mi sono sentita ferita come donna” 

Per Noemi, vero nome Veronica Scopelliti, una crisi profonda dal punto di vista personale arriva con Sanremo 2018, quando spiega di essersi resa conto di aver toccato il fondo poiché, essendo “in carne” – come dice lei stessa – venne presa in giro sui social con un meme che metteva a paragone lei e Michelle Hunziker che allora era co-conduttrice con Claudio Baglioni. Le due avevano un vestito simile e il confronto che diceva “Quando lo ordini su Wish e quando ti arriva a casa” provocò in lei enorme sofferenza. 

“Oggi si parla molto di body shaming, ma si vede che nel 2018 non era di moda” confida oggi: “Mi sono sentita ferita come donna, in quella foto per la prima volta ho visto tutta la mia sofferenza, perché ci sono persone che sono abbondanti ma tu vedi che quella fisicità gli appartiene. Mi sono fatta un pianto e quella è stata la prima volta in cui mi sono detta che dovevo fare qualcosa”.

A Sanremo 2012, invece, Noemi raggiunse la consapevolezza di avere un problema con la percezione reale di se stessa: “Soffrivo di derealizzazione, per anni ho visto come da un binocolo, mettevo distanza, era un modo che la mia testa aveva per dirmi: guarda che sei un fantasma, non hai la tua vita in mano”. 

Sollecitata dalla conduttrice che le chiede “pensa che suo padre, che lei ha assunto come manager, abbia sempre agito per il suo interesse o qualche problema finanziario gliel’ha creato?”, la cantante risponde: “Senza dubbio delle cose non sono andate bene, ma non volevo che lui si sentisse responsabile”. E all’ulteriore appunto di Fagnani che ha aggiunto: “Ma lo era responsabile di alcuni problemi finanziari?”, Noemi ammette che “tante volte uno mette il cavallo dove vuole il padrone, ero io che gli avevo dato troppe responsabilità”. 

Poi la cantante racconta che la decisione di sollevare il padre dall’incarico di manager l’ha allontanata dalla famiglia: “Per la prima volta nella mia vita mi sono sentita sola, il mio grande consigliere era stato lui, per un paio di anni non sono riuscita ad avere un dialogo con il mio papà e la mia famiglia, non c’era modo di capirsi”. E conclude: “Ora che ho recuperato percezione di quella che sono io nel mondo, quando ci vediamo lo vedo che è contento”. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: