PANDEMIA E DISTURBI ALIMENTARI

L’anoressia nervosa (o semplicemente anoressia) è un disturbo alimentare molto serio, che colpisce soprattutto le donne in giovane età. Le persone che ne soffrono si sottopongono a forti restrizioni alimentari con l’intento di dimagrire, e la malnutrizione a cui vanno incontro può causare effetti collaterali gravi, anche fatali.

La pandemia di Covid-19, a causa di fattori come la paura del contagio, il distanziamento dagli altri e l’isolamento, ha portato a un aumento dei disturbi alimentari come l’anoressia. Cerchiamo quindi di capire che cos’è questa malattia, quali sono i suoi sintomi e come e perché il Coronavirus ha influito negativamente.

CHE COS’È L’ANORESSIA NERVOSA

Prima di scoprire che impatto abbia avuto il Covid-19 sull’anoressia, facciamo luce su questo disturbo per comprendere meglio di cosa si tratta.

L’anoressia nervosa è una malattia che colpisce in prevalenza il sesso femminile e che tende a manifestarsi tra i 15 e i 19 anni, sebbene si stia osservando un incremento dei casi a esordio precoce. Come indica il Ministero della Salute, solo nel 5-10% dei casi riguarda gli uomini, anche se in tempi recenti il problema sta diventando comune anche nel sesso maschile.

Chi soffre di questa patologia ha una forte paura di ingrassare e una percezione distorta di sé e del proprio peso. Questo induce la persona a seguire rigide restrizioni dietetiche, a indurre il vomito per espellere quanto mangiato e a praticare una smodata attività fisica per dimagrire.

COME SI MANIFESTA L’ANORESSIA NERVOSA

La malattia fa parte dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, e si manifesta con sintomi sia di tipo fisico che psichico. Tuttavia, non è sempre facile rendersi conto che una persona soffre di anoressia, perché chi ha questo problema cerca di nasconderlo camuffando la propria condizione fisica, ad esempio con abiti larghi che nascondano la magrezza, oppure mentendo su cosa mangia.

Rispondi

LIVE OFFLINE
track image
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: