TENNIS: DJOKOVIC BATTE BERRETTINI

Ha ragione Andy Roddick: Nole ti toglie prima le gambe e poi l’anima. Ma prima ti fa illudere, ti fa credere di essere diventato il padrone dello stadio, il re della serata, tra le mille luci di New York, e poi ti distrugge, a piccole dosi. Matteo Berrettini non compie il miracolo, e si arrende davanti al numero uno al mondo, Novak Djokovic, perdendo in quattro set, 7-5 2-6 2-6 3-6, prima dando spettacolo, come a Wimbledon, poi cedendo di schianto, come a Wimbledon. L’ultima volta che agli Us Open un italiano era riuscito a strappare due set al re del ranking era stato Adriano Panatta contro Jimmy Connors. Era il ’78. Il coach di Matteo, Vincenzo Santopadre, aveva 7 anni. Il tempo non è passato invano, perché il suo ragazzo ha dimostrato di avere forza, un grande servizio, risorse fisiche, ma con Djokovic non basta mai. Ogni punto serve il centodieci per cento, mentre al serbo sembra bastare l’ottanta.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: