Tomb Raider 2 non è sicuro, ma Alicia Vikander ha fiducia

Alicia Vikander ammette che Tomb Raider 2 non è stato ancora ufficialmente approvato, anche se la sceneggiatura è in corso d’opera

Un Tomb Raider 2 con Alicia Vikander non è poi così sicuro, e ne avevamo avuto sentore già da quando silenziosamente l’originale regista Ben Wheatley si era defilato, anche in seguito al ritardo causato dalla pandemia: attualmente sappiamo che la Misha Green autrice della serie Lovecraft Country è al lavoro sul copione (anzi, ha da poco finito la prima stesura) e dovrebbe occuparsi anche della regia, però Alicia Vikander, interpellata sulla questione, ha detto quanto segue sullo stato di Tomb Raider: Obsidian (titolo provvisorio).

Prima del COVID, avrei risposto senza esitazione che si sarebbe fatto. Penso ancora che sia in piedi, non è approvato, ma il copione è in lavorazione, ho la sensazione che tutti ne siano entusiasti e mi piacerebbe reinterpretare Lara. […] Solo ora le cose hanno ricominciato a muoversi, Misha è salita a bordo e sta lavorando proprio adesso sulla sceneggiatura. Sono troppo contenta, non vedo l’ora di leggere presto qualcosa.

Come avevamo scritto in altre circostanze, la MGM (nel frattempo rilevata da Amazon) non era stata troppo celere nel mettere in cantiere il sequel del primo Tomb Raider, perché il film di Roar Uthaug aveva incassato cifre piuttosto tiepide: anzi, col suo budget di 94 milioni di dollari si era salvato dal flop in corner solo grazie a un vivacissimo apprezzamento del mercato cinese, che contribuì con 78.500.000 al suo incasso mondiale totale di 274.600.000. Lara Croft rimane comunque un personaggio molto popolare, e siamo sicuri che un secondo capitolo, magari a questo punto dirottato su Prime Video, manterrebbe un suo perché commerciale. 

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: