ECONOMIA: SALONE NAUTICO

“Sono tornati tutti i grossi player, come negli anni d’oro” dice il presidente di Confindustria Nautica Saverio Cecchi parlando della 61/ma edizione del Salone Nautico di Genova (16 al 21 settembre). E’ il Salone dei grandi nomi del settore che confermano la presenza (Sanlorenzo, Azimut Benetti, gruppo Fipa, Amer Yachts, Bluegame, Pardo Yachts, Rio Yachts e Sessa Marine) o ritornano a presentare le loro imbarcazioni nel capoluogo dopo qualche assenza (da Baglietto a Ferretti, Cranchi yachts, Absolute, Arcadia Yachts e Sirena Marine) e del sold out, con tutti gli spazi disponibili esauriti già da giugno. Questa edizione vedrà anche crescere i visitatori, compatibilmente con i tetti imposti dalle misure di sicurezza. “Ci aspettiamo un 30-40% in più rispetto allo scorso anno (71.168, meno di metà dell’anno precedente, ma vicini al massimo consentito dalle norme di sicurezza per il Covid 19, ndr)”, dicono gli organizzatori. 
    L’ingresso è con Green pass o tampone negativo nelle 48 ore precedenti. Allestita una postazione per tamponi e vaccini. Più di mille barche e altrettanti espositori: sono i numeri principali dell’edizione. Previste molte “prime” di nuove imbarcazioni e progetti con un occhio alla tecnologia e alla sostenibilità, contenendo le emissioni dei motori, utilizzando materiali innovativi e riciclabili per le costruzioni, pensando a sistemi di ancoraggio elettronico per non danneggiare i fondali e ammortizzatori che utilizzando il movimento del mezzo producono energia.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: