ECONOMIA: TIM, RIPARTE LA CORSA AL TITOLO

Si riaccende Tim in Borsa, a due giorni dal consiglio di amministrazione che dovrebbe fare un po’ di chiarezza intorno all’offerta amichevole, ma non vincolante, che è arrivata dal fondo infrastrutturale Kkr che ha messo sul piatto il valore “indicativo” di 50,5 centesimi per azione. L’azione della Telecom si muove in netto rialzo in Piazza Affari, confermando le montagne russe che si sono susseguite dopo che, nel fine settimana, è arrivata l’indicazione di una proposta di Opa dal fondo americano: lunedì ha guadagnato il 30%, ieri ha perso quasi il 5% e in mattinata è arrivata a segnare di nuovo un guadagno vicino al +10%. Ancora ieri sera si inseguivano indiscrezioni – riferite da Bloomberg – che il fondo Usa si sarebbe potuto spingere fino in area 70-80 centesimi. Indicazioni smentite dalla diretta interessata – Kkr si è detta “totalmente e solamente focalizzata sull’offerta presentata al board di Tim il 21 novembre ” – ma che testimoniano di come la situazione sia ancora molto fluida: d’altra parte, sul tavolo non è ancora arrivato un impegno vincolante da parte del potenziale compratore. “Leggevo sui giornali che non siamo intervenuti in tempo in varie occasioni, compresa l’ultima Tim-Kkr – ha detto ieri il presidente della Consob, Paolo Savona – che non si è ancora realizzata in offerta ma solamente in un preannuncio”. Savona ha puntualizzato che “noi possiamo intervenire solamente quando riusciamo ad avere l’informazione” e nel caso di specie “siamo già intervenuti”.

Rispondi

LIVE OFFLINE
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: